LA GRANDE MUSICA è onlive

 

 

 

 

U
X
Sezioni

#LA PULCE NELL'ORECCHIO

Le parole e le idee di






SPETTACOLI

LIBRI

DISCHI



 

GazLab Edizioni
è un marchio
Cassagest s.r.l

 


 

 

Periodico Telematico
Registrato al Tribunale di Roma
n. 17/2022 il 10/02/2022

 

Direttore Responsabile
Paola Molfino

 

 


CONTACT

Via del Commercio 36
00154 Roma

(+39) 06.54.09.344
redazione@musicpaper.it

PUBBLICITÀ

adv@musicpaper.it

SEGUICI

SEZIONI

I Vespri siciliani tornano alla Scala

I Vespri siciliani tornano alla Scala

Dopo 24 anni di assenza, “I Vespri siciliani” di Verdi tornano al Teatro alla Scala, dal 28 gennaio al 21 febbraio, in un nuovo allestimento firmato da Hugo de Ana. Sul podio Fabio Luisi alla guida di un cast capitanato da Marina Rebeka, Piero Pretti e Luca Micheletti.

Al Verdi di Trieste Henning rilegge Macbeth 10 anni dopo

Al Verdi di Trieste Henning rilegge Macbeth 10 anni dopo

Al Teatro Verdi di Trieste, dal 27 gennaio al 5 febbraio, va in scena il capolavoro di Giuseppe Verdi. Torna in un allestimento che ha fatto storia con la regia del “Maestro” Brockhaus, i costumi di Nanà Cecchi, le scene di Josef Svoboda ricostruite da Benito Leonori. Fabrizio Maria Carminati dirige un cast che alterna generazioni di voci verdiane.

Dai campi di sterminio un canto per l’umanità

Dai campi di sterminio un canto  per l’umanità

In questo breve spazio temporale che separa il 27 gennaio Giorno della Memoria e il 10 febbraio Giorno del Ricordo, torna utile richiamare l’attenzione sulla epocale ricerca che Francesco Lotoro va compiendo da oltre trent’anni sulla musica concentrazionaria scritta in ghetti, Lager, gulag, campi di prigionia e di internamento disseminati nel mondo.

Enrico Scaccaglia vince il Concorso Luciano Berio

Enrico Scaccaglia vince il Concorso Luciano Berio

Enrico Scaccaglia è il vincitore della seconda edizione del Concorso “Luciano Berio” indetto dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Giuria presieduta da Antonio Pappano e formata dai compositori Luca Francesconi, Tania León, Michael Jarrell e Hilda Paredes. Menzioni d’onore per Annachiara Gedda e Chia-Ying.

Paolo Borciani 100 anni dopo

Paolo Borciani 100 anni dopo

Il 21 dicembre 1922 nasceva a Reggio Emilia il violinista Paolo Borciani, tra i fondatori del leggendario Quartetto Italiano. A partire da questo anniversario importante, ripercorriamo la destinerranza artistica di una carriera unica, inarrestabile, planetaria: quella del «più bel quartetto, senza ombra di dubbio» che il Novecento abbia conosciuto.

Vanoli, uno storico per i suoni del passato. Dal Big Bang alla Beat Generation

Vanoli, uno storico per i suoni del passato. Dal Big Bang alla Beat Generation

Architettare una sintesi delle diverse epoche storiche, dal Big Bang alla Beat Generation, filtrando i suoni del passato. Trovare un filo comune fra mondi variegati (in gran parte nell’area mediterranea) intessendo un filo comune.
Alessandro Vanoli, musicista dilettante, storico importante, grande divulgatore in “Note che raccontano la storia”, il suo ultimo libro edito da il Mulino, ricostruisce la storia dei suoni (anche) perduti del passato che sono stati la colonna sonora dell’umanità e la musica del mondo.

Brunello, Bach, un violoncello piccolo e la luce che mancava

Brunello, Bach, un violoncello piccolo e la luce che mancava

Per un violoncellista come Mario Brunello, che suona dopo aver scalato le vette alpine e macinato la sabbia infuocata dei deserti algerini è il disco che apre il 2023.
Per noi, l’unica certezza dopo averlo infilato nel lettore cd è una sensazione di meraviglia. Pochi secondi dopo il respiro d’attacco degli esecutori bastano per sintonizzarsi sull’incantato stupore, indotto dai tempi vagamente assorti che si alternano agli scatti repentini. Il suono ipnotico dopo quasi quarant’anni di carriera in un vortice di interessi (barocco, romanticismo con orchestra, sprazzi di contemporanea, evasioni nel jazz) è ancor più pastoso, denso. Nobile essenza della sua ars interpretativa. 
“Bach Transcriptions” è l’atto di chiusura di una trilogia con l’Accademia dell’Annunciata e il basso continuo di Riccardo Doni (Arcana-Outhere Music).

Pavarotti era mio padre. Ed era un grande tenore

Pavarotti era mio padre. Ed era un grande tenore

Cristina Pavarotti, figlia secondogenita del celebre tenore modenese, racconta a Music Paper il suo impegno per custodire e diffondere la memoria del padre, andando oltre il personaggio e guardando da vicino l’artista, sensazionale e generoso.
Da alcuni mesi il nome di “Big Luciano” campeggia anche sulle stelle della “Walk of Fame” di Hollywood. Ma ora tocca all’Italia non dimenticare il cantante e l’interprete che è stato una star fra le più luminose della storia dell’opera…
«Per molti anni sono stata testimone della sua carriera. Ho iniziato ad andare a teatro all’età di cinque anni e ho avuto la fortuna di vedere dal vivo un’intera generazione di cantanti eccezionale, che condivideva gli stessi valori di mio padre».

Ammazza la mosca!

Ammazza la mosca!

Un’indagine sulla storia di un jingle dalla fortuna strepitosa. Danzato a ritmo di polka o suonato sui denti di una mucca, «Ammazza la mosca… col Flit!» affiora un po’ ovunque, dal Jazz all’Heavy Metal, da Topolino ai Rolling Stones, replicandosi senza mai perdere quel suo richiamo irresistibile che fa: ta-tara-ta-ta… ta-ta!
Dietro questa innocente melodia di sette note si nasconde un universo musicale dai contorni appena definibili, in cui la lista degli “avvistamenti” è destinata ad aggiornarsi migliaia di volte, per ogni sua sortita nella bussata in codice che facciamo per entrare in casa o nel beat prodotto in uno studio discografico.

Joseph Ratzinger, il Papa che pregava in musica

Joseph Ratzinger, il Papa che pregava in musica

Bella e degna deve essere la musica da chiesa. Non di una bellezza fine a se stessa, ma unita profondamente, con umiltà, alla parola divina di cui costituisce l’amplificazione espressiva. Perché questa musica è prima di tutto preghiera alimentata dalla fede, riflesso di partecipazione collettiva al rito. E come tale va considerata. E a questo scopo deve servire, con semplicità ma senza tralasciare la dignità artistica. Così, in sintesi, il pensiero di Joseph Ratzinger sulla funzione della musica nella liturgia. Tema di cui si è occupato spesso già all’indomani del Concilio Vaticano II, cui aveva partecipato in veste di consulente, poi via via negli scritti da cardinale e nei discorsi pubblici da pontefice – quasi quarant’anni di riflessioni, alcune delle quali raccolte dallo stesso Benedetto XVI in “Lodate Dio con arte: sul canto e la musica” (2010), a cura di Carlo Carniato, con introduzione di Riccardo Muti.

Metti un Natale in musica nella Roma barocca

Metti un Natale in musica nella Roma barocca

Un viaggio nella Città Eterna in compagnia di Alessandro Scarlatti, fra Messe, Vespri e “musiche straordinarie” nel periodo natalizio. Precisamente, nel 1707. La Basilica di Santa Maria Maggiore, la liturgia e le devozioni, la bellezza del canto e degli strumenti, e il primo capolavoro del celebre compositore siciliano, in stile concertante e con organico a nove voci, alla cui esecuzione prese parte anche il figlio Domenico. Una partitura di grande spessore timbrico, che segue il modello del concerto corelliano. Come non emozionarsi, ancora oggi, ascoltando questa pagina intrisa d’intensa commozione?

#Reviews
Spettacoli - Libri - Dischi

Che lodevole impresa ridare vita alla Napoli milionaria di Eduardo e Rota

Risentita al Teatro Donizetti di Bergamo, a più di quarant’anni dopo la sua creazione, "Napoli milionaria" di Nino Rota ed Eduardo De Filippo scorre senza che si avverta il passare del tempo nei tre atti, …

L’orecchio di Proteo

Carlo Alessandro Landini, LIM, pagg. 848, € 60 Compositore di solido mestiere e notevole ingegno, Carlo Alessandro Landini è anche un prolifico saggista. Attività, quest’ultima, in cui si specchiano tanti caratteri del suo mondo d’artista... Dopo …

Giuseppe Agus – Sonate a violino solo e basso

Quartetto Vanvitelli / Arcana Il Quartetto Vanvitelli propone per Arcana le sei "Sonate a violino solo e basso" op. 1 di Giuseppe Agus. La curatissima performance porge con chiarezza e nitidezza il linguaggio musicale di questo …

Pavarotti era mio padre. Ed era un grande tenore

Cristina Pavarotti, figlia secondogenita del celebre tenore modenese, racconta a Music Paper il suo impegno per custodire e diffondere la memoria del padre. andando oltre il personaggio e guardando da vicino l’artista, sensazionale e generoso. da alcuni mesi il nome di “Big Luciano” campeggia anche sulle stelle della “Walk of Fame” di Hollywood. Ma ora tocca all’Italia non dimenticare il cantante e l’interprete che è stato una star fra le più luminose della storia dell’opera.

N

el mondo della lirica «dove ogni dramma è un falso» Luciano Pavarotti è stato una stella di prima grandezza. Il suo nome è legato a interpretazioni che hanno fatto la storia del teatro musicale. Ruoli come quello di Rodolfo nella Bohème, Nemorino nell’Elisir d’amore. Titoli come Rigoletto, Lucia di Lammermoor, Un ballo in maschera, Turandot, Trovatore, Tosca, Luisa Miller, La Gioconda, Aida, Ernani, La figlia del reggimento, I Puritani, La Favorita, Capuleti e Montecchi

Sì, perché il nostro Big Luciano – scomparso a Modena ormai quindici anni fa, il 6 settembre 2007, a 72 anni – ha scritto un capitolo fondamentale della storia della lirica. Idolo dei palcoscenici internazionali più prestigiosi, ma non solo. Ha diffuso nel mondo intero, grazie alla sua popolarità trasversale, l’amore per il melodramma, patrimonio culturale fondante del nostro Paese.

A tal punto che da alcuni mesi il suo nome campeggia anche sulla Walk of Fame di Hollywood, dove il 24 agosto scorso è stata posata una Stella dedicata a lui. Alla cerimonia era presente James Conlon, direttore musicale della Los Angeles Opera, che con Pavarotti ebbe una lunga collaborazione artistica e che in quell’occasione ha dichiarato: «La sua incredibile celebrità si è diffusa in tutto il pianeta, ben oltre i confini del teatro d’opera. Nel suo percorso per affermarsi a livello internazionale, è uscito dagli schemi in modo pionieristico». 

Un modo e uno stile che, forse, hanno contribuito più a far crescere la popolarità del personaggio Pavarotti che a creare un interesse autentico e vero nei confronti della personalità artistica e musicale del tenore Pavarotti.

È quanto emerge anche da una lunga conversazione con Cristina Pavarotti, secondogenita del tenore (che ebbe tre figlie – Lorenza, Cristina e Giuliana – dalla prima moglie Adua Veroni e poi- a 68 anni – una figlia, Alice, dal secondo matrimonio con Nicoletta Mantovani), che sin dalla sua laurea al Dams si è occupata di direzione artistica e di teatro musicale, come regista e librettista e che da qualche anno segue la riorganizzazione dell’Archivio Veroni-Pavarotti.

Cristina, quel giorno al 7065 di Hollywood Boulevard, aveva confessato con emozione: «È un grande onore rappresentare mio padre in questa bellissima occasione e non so dirvi quanto desidererei che fosse qui con me. Se penso a lui, al valore e alla quantità delle cose che ha realizzato, alle strade che ha aperto e alle tante emozioni date e ricevute, provo ancora oggi un senso di vertigine». 

E ora a Music Paper racconta non solo il senso delle celebrazioni tenute nella metropoli californiana sotto il titolo di “Luciano Pavarotti, la Stella”, ma soprattutto il suo impegno per custodire e diffondere la memoria “musicale” e artistica del padre. 

Il suo è un racconto ricco di particolari che potranno contribuire a una divulgazione storica più approfondita del cantante e dell’artista, tante volte sovrastato dal personaggio.

In questi mesi si sono tenuti eventi e iniziative artistiche mirati a mantenere viva la memoria di suo padre. Quale è stata la motivazione che ha dato il via a queste celebrazioni? Sappiamo che non si fermeranno qui. Che cos’altro è in programma?

«Tutto è nato da una motivazione estemporanea e istintiva di Paolo Rossi Pisu, della Genoma Film Production, il quale, constatando che ancora non esisteva una stella dedicata a mio padre, ha preso l’iniziativa, sincerandosi che l’idea fosse gradita a noi eredi, e avere quindi il nostro consenso. Cinzia Salvioli, fondatrice della Albedo Production, mi ha contattato. La conoscevo perché ha lavorato nel mondo della lirica dagli anni ’80 e sapevo bene come si muoveva. Ed è arrivato poi il sostegno del Ministero della Cultura-Direzione Generale Cinema, della Regione Emilia Romagna, dei Comuni di Modena e Pesaro e del Rossini Opera Festival.

Mi ha fatto molto piacere perché si tratta di un riconoscimento che si aggiunge ai tanti già ricevuti da mio padre, è vero, ma questa stella è anche visibile a tutti. Tra l’altro, constatando quanto sia complesso avvicinare i giovani alla cultura alta e quanto sia necessario costruire legami aggiungendo tasselli alla memoria familiare e collettiva, ho trovato l’idea ancora più interessante.

Da qui nasce l’idea di usare questa occasione per creare un momento di vera festa e vero ricordo legati a contenuti specifici: con testimonianze diverse dalle tante che solitamente vengono proposte, proposte grazie al lavoro di archiviazione e digitalizzazione intrapreso da mia madre, e che io sto proseguendo».

Ricostruire quarantatré anni di carriera deve essere un lavoro molto articolato e complesso…

«Su mio padre sono state promosse tante iniziative, non ultima un recente documentario. Tuttavia, fin dall’inizio ci ha guidato l’idea di focalizzare il nostro lavoro sull’Italia perché la ricostruzione storica della carriera di mio padre è stata fatta molto più spesso dai paesi anglosassoni. Paradossalmente, sono più conosciute più le sue presenze al Covent Garden di quelle al Teatro alla Scala».

E a questo proposito… quanto è viva davvero oggi la memoria di Luciano Pavarotti?

«Molto viva, anche se il personaggio prevale sul cantante e sulla curiosità di scoprire e conoscere meglio l’artista, il tenore. Sicuramente è una memoria più controversa che in altri paesi, proprio perché qui la spettacolarità del personaggio si è sovrapposta alla storia artistica. Non mi risulta che in Italia ci siano studi su Luciano Pavarotti come ce ne sono invece su altri interpreti del suo periodo.

Forse dirò una cosa poco carina ma… rispetto all’Italia, il resto del mondo non si dimentica di Pavarotti cantante e interprete e del ruolo che ha avuto nella storia della lirica. Adesso è importante preservare questo aspetto. E nel nostro archivio fortunatamente abbiamo tanti documenti audio e video».

Quali aspetti della personalità di suo padre possono essere considerati un esempio da seguire, nel modo di essere artisti e di vivere questo impegno fino in fondo?

«Per molti anni sono stata testimone della sua carriera. Ho iniziato ad andare a teatro all’età di cinque anni (Cristina è nata nel 1964 n.d.r) e ho avuto la fortuna di vedere dal vivo un’intera generazione di cantanti eccezionale, che condivideva gli stessi valori di mio padre. Credo che le cose da far conoscere e tramandare siano la disciplina, la dedizione assoluta al canto, allo studio, alla tecnica.

Quel saper prendersi il tempo necessario per lo studio – oggi appena si scopre un talento viene immediatamente lanciato nella carriera – e non dare mai per scontati i presupposti tecnici. Mio padre faceva i vocalizzi tutti i giorni e dedicava tanto tempo allo studio della tecnica. La parte espressiva veniva dopo.

Quel che rende difficile l’arte del canto, la sua straordinaria magia, non può prescindere da tutto questo. Questa umiltà musicale e interpretativa credo sia fondamentale. Sono valori che mio padre ha sempre avuto. Anche quando lo vedevo insegnare ai suoi allievi richiedeva prima lo studio tecnico e dopo passava all’aspetto interpretativo».

Teneva molto ai giovani cantanti, vero?

«Moltissimo. Non ha insegnato in modo sistematico perché era sempre molto impegnato, ma lo ha fatto ogni volta che ha potuto. Aveva anche molta voglia di condividere con i giovani la sua passione. All’Opera di Philadelphia istituì un concorso per giovani cantanti e dopo questa iniziativa ha organizzato casting in ogni luogo dove si recasse per lavoro.

Negli ultimi anni, fino a quando è stato costretto a fermarsi a causa della malattia, ha avuto allievi e ha fatto audizioni a grandissimi talenti. Uno fra tutti, Juan Diego Flórez. Lui venne a casa nostra a Pesaro e, dopo averlo ascoltato, mio padre gli disse con tono entusiastico: “Ragazzo, vai!”. E come lui tantissimi altri». 

Dopo la stella sulla Walk of Fame di Hollywood la scorsa estate, in ottobre il cortometraggio “Luciano Pavarotti, the Star“, presentato anche alla Festa del Cinema di RomaCosa racconta di Pavarotti questa pellicola?

«È un filmato molto breve (foto in alto) che abbiamo deciso di usare come sigla delle celebrazioni intorno alla posa della Stella sulla Walk of Fame. L’idea era quella di mettere nostro padre in dialogo con altri artisti, utilizzando immagini in cui si potessero cogliere la sua attività e personalità artistica. Per la realizzazione mi sono rivolta a Gianluigi Toccafondo, pittore, illustratore e regista.

Gli ho inviato materiale di repertorio, audio e video, dal quale ha saputo trarre un lavoro davvero suggestivo, e del quale sono particolarmente estasiata. Si colgono diverse sfaccettature della espressività dell’artista Pavarotti e la sua capacità di comunicare e interagire con il pubblico e i giovani musicisti. Tutte le immagini sono trattate pittoricamente… c’è tanto lavoro dietro a un minuto e mezzo di video”.

Ci sono altre testimonianze audiovisive italiane mai trasmesse prima nel Stati Uniti. Penso alla Messa da Requiem di Verdi diretta da Abbado, presentata a Los Angeles e riproposta anche da Rai Cultura in prima serata su Rai5. Come mai questa scelta? 

«Mio padre aveva interpretato per la prima volta la Messa da Requiem di Verdi nel 1967 al Teatro alla Scala, sotto la direzione di Herber von Karajan, e quella rimane l’edizione di riferimento. Tuttavia, da parte mia c’è stata la volontà di recuperare altre prove e offrire una testimonianza diversa.

Il Requiem del 1970 con Abbado è stato restaurato dalla Cineteca di Bologna, un recupero che mi sta molto a cuore. Registrato nel 1970 nella Basilica di Santa Maria Sopra Minerva, a Roma, aveva tra i protagonisti, oltre a papà, Renata Scotto, Marilyn Horne, Nicolai Ghiaurov con l’Orchestra Sinfonica di Roma della Rai diretta da Claudio Abbado e i Cori di Milano e Roma della Rai».

Qual è la differenza più eclatante dell’edizione di Karajan rispetto a quella di Abbado?

«Sicuramente la direzione. Quella di Abbado tira fuori altri colori rispetto all’edizione del ’67 con Karajan.  Secondo me, restituisce una diversa tensione dal vivo. Io amo molto le testimonianze meno perfette, magari, ma che danno la sensazione di farti sentire lì presente.

Quella di Karajan – senz’altro bellissima, perfetta – fu registrata infatti senza pubblico: io l’adoro e forse è la prova di cui mio padre andava più fiero in assoluto… In un’ intervista che ho rivisto di recente sostiene che la Messa da Requiem con Karajan è stata la sfida più grande della sua vita. Eppure, in quella diretta da Abbado si percepisce maggiormente la tensione e l’emozione della performance. È una registrazione fantastica, che volevo far vedere e conoscere a tutti». 

E poi c’è anche un recital molto particolare…

«Sì, un’altra testimonianza che ho voluto diffondere è un recital del 1983, con brani forse meno spettacolari rispetto a quelli che normalmente vengono ascoltati. Il programma mette in evidenza le qualità espressive e interpretative di mio padre, non il suo virtuosismo al quale non gradiva molto essere associato.

Si tratta di un vecchio video che crea in chi lo guarda un senso di vicinanza e la sensazione della fruizione live. Una selezione di brani dall’ultimo concerto da solista che mio padre tenne al Teatro alla Scala nel 1983 accompagnato al pianoforte da Leone MagieraGià il Sole dal Gange di Alessandro Scarlatti, l’Ave Maria di Franz Schubert, La Serenata e Non t’amo più di Francesco Paolo Tosti e Quando le sere al placido da Luisa Miller…

Se dipendesse da lei, quale altra iniziativa metterebbe in campo o vorrebbe che si realizzasse soprattutto in Italia per ricordare la grandezza di suo padre e il contributo che ha dato al mondo del teatro musicale? 

«La risposta è difficile. Si potrebbe pensare a un lavoro di studio per un progetto editoriale. La sua carriera è stata eccezionale e il suo personaggio ha travalicato il mondo dell’opera tanto che io ho la percezione che “Pavarotti” invece sia un po’ assente nel mondo artistico, che è il mondo che gli appartiene. Sento il bisogno di rimetterlo lì al centro e sarebbe interessante se la storia di quel mondo – e dei protagonisti, come mio padre, che lo hanno caratterizzato – si provasse a ricostruire attraverso le tante testimonianze audiovisive esistenti. Penserei a un documentario realizzato su ricerche approfondite, e con la voglia di raccontare la sua storia musicale.

A questo aggiungo che bisognerebbe farlo riascoltare di più e più spesso e non sempre nei soliti titoli. È vero che alcune opere sono dei capisaldi della sua carriera, ma è anche vero che ne ha cantate tante altre. È difficile sentirlo in Lucia di Lammermoor, Luisa Miller o in Madama Butterfly di cui esiste una incisione secondo me meravigliosa, eppure nessuno mai lo cita come interprete di Pinkerton. Quando si parla di Pavarotti spesso ci si sofferma sugli anni Settanta e Ottanta che alcuni sostengono essere stati i migliori. Io credo, invece, che indagando più a fondo la sua storia si scoprirebbe molto più l’immenso artista quale è stato». 

Ci dica allora: c’è un’opera fra quelle interpretate da suo padre che lei ama più di altre?

«In realtà no. Può sembrare strano, ma non ne ho una preferita. Mi piacciono tutte. Perché ognuna mette in luce una diversa sfumatura d’interprete di papà».

Foto: in cover Cristina Pavarotti con il padre Luciano a Los Angeles nel settembre 1975; nel testo Cristina, Lorenza, Luciano e Giuliana Pavarotti al 30° Anniversario dal debutto al Teatro Valli di Reggio Emilia nell’aprile 1991 © Alfredo Anceschi; Cristina Pavarotti sulla Walk of Fame di Hollywood il 24 agosto 2022; Giuliana, Luciano e Cristina Pavarotti a New York nell’aprile 1991 © Judith Kovacs; Renato Cesari, Mirella Freni, Giuliana, Luciano e Cristina Pavarotti, Giovanni Foiani, Nino Carta a una prova de La Bohème al Teatro Campoamor di Oviedo nel settembre 1972.